La Canapa una filiera agricola che può dare sostegno ai redditi del settore agricolo

Una svolta storica nel settore della coltivazione della canapa. L’Onu infatti, poche settimane fa, ha ricollocato la cannabis all’interno delle quattro tabelle che dal 1961 classificano piante e derivati psicoattivi a seconda della loro pericolosità. La canapa per uso terapeutico dunque (la cannabis) è stata rimossa dalla tabella IV, quella contenente le sostanze più ad alto rischio e più dannose per la salute, e in tal modo ne vengono riconosciute le proprietà medicinali. Si tratta di una decisione storica, che toglie gli ostacoli del controllo internazionale alla produzione di cannabis per fini medico-scientifici.

E’ stato costituito ufficialmente il tavolo di filiera per la canapa e così ufficialmente la canapa  ( Cannabis sativa L.) torna ad essere una filiera agricola, questa decisione fa seguito a quella del 19 novembre scorso, quando la Corte Europea di giustizia ha chiarito che il Cbd, uno dei principi attivi della cannabis, non è da considerarsi come stupefacente ma destinato alle cure sanitarie (fonte stampa agricola)

Per valutare appieno le ricadute economiche sul settore primario occorrerà attendere ancora un po’ considerando che dietro la coltivazione della canapa ad uso tecnico industriale spesso si cela l’importazione e la produzione di fiori di canapa con THC per uso umano che spesso non rispettano i limiti e vincoli imposti dalla normativa europea .

Dalle coltivazioni della Canapa ( disciplinato dalla legge 242 del 2016) è possibile ottenere diversi prodotti  tra cui alimenti e cosmetici , fibra oli , carburanti  , concimi, piante ornamentali , florovivaismo  e  materiali da costruzione

Oggi è libera in Italia anche la vendita di prodotti  a base di infiorescenze di canapa a basso contenuto di THC per l’uso ricreativo e di articoli da collezione . Il limite di THC nei prodotti di cannabis legale non deve superare lo 0,2% con una tolleranza per gli agricoltori dello 0,6 ( considerando avverse condizioni di coltivazione ).

Esistono già in Lombardia numerose iniziative di coltivazione della Canapa industriale e in particolare nel settore florovivaistico , di ricerca e didattico .

Naturalmente potrete chiedermi gli approfondimenti normativi e tecnici

by

Dr.Agronomo Delegato speciale per le malattie delle piante Perito del tribunale Consulente fiduciario